INFO UTILI

4 passi per comprare casa
1

Seleziona gli annunci più interessanti.

Su Homepal gli annunci sono più accurati, con foto e descrizioni di qualità. Puoi leggere anche le recensioni degli amici, vedere le stelle attribuite da chi ha visitato l’immobile e scoprire attraverso la mappa integrata il quartiere e tutti i servizi vicini!
Questo significa che da subito puoi capire se un immobile può fare al caso tuo e fissare un appuntamento solo per gli annunci più interessanti. Ricordati che, anche se la richiesta è superiore al tuo budget, puoi sempre fare una tua offerta.

2

Visita l’immobile di persona.

Dopo aver fissato un incontro con il proprietario sul nostro calendario degli appuntamenti, puoi visitare l’immobile e scoprire le sensazioni che ti trasmette la casa. A volte l’emozione vince sulla razionalità, ma non farti distrarre da elementi secondari, come l'arredamento o la pulizia: i veri affari li fanno coloro che riescono a cogliere le potenzialità nascoste di un immobile.
Se l’impatto è positivo, visitalo una seconda volta, preferibilmente in un orario diverso e in compagnia di una persona fidata, così da avere un altro punto di vista e valutare meglio alcuni fattori come silenziosità e luminosità durante l’arco della giornata. Per essere sicuro di non aver dimenticato nulla, scarica la check list di Homepal!

3

Fai una visura catastale / ipotecaria con "Casacheck".

L’immobile ti convince? Allora calma e sangue freddo, perché stai per fare uno degli investimenti più importanti della tua vita. Prima di fare un’offerta, richiedi una visura catastale e ipotecaria per conoscere la tipologia e destinazione d’uso, chi è l'effettivo proprietario e, soprattutto, se ci sono ipoteche sull'immobile. Puoi fare tutto online utilizzando il comodo servizio Casacheck.

4

Fai la tua offerta.

Se l’immobile ti convince, puoi finalmente fare un’offerta proponendo al proprietario la cifra che sei disposto a spendere. Entro due giorni saprai se l'offerta è stata accettata e tu e il proprietario potrete firmare il compromesso con tutti i documenti forniti da Homepal.

4 passi per prendere una casa in affitto
1

Seleziona gli annunci più interessanti.

Su Homepal gli annunci sono più accurati, con foto e descrizioni di qualità. Puoi leggere anche le recensioni degli amici, vedere le stelle attribuite da chi ha visitato l’immobile e scoprire attraverso la mappa integrata il quartiere e tutti i servizi vicini!
Questo significa che già qui sul sito puoi capire davvero se un immobile può fare o no al caso tuo, fissando un appuntamento solo per gli annunci più interessanti. E anche se la richiesta è superiore al budget, ricordati che puoi sempre provare a fare una tua offerta.

2

Visita l’immobile di persona.

Dopo aver fissato un incontro con il proprietario sul nostro calendario degli appuntamenti, puoi visitare l’immobile e scoprire le sensazioni che ti trasmette la casa. Qui l’emozione spesso vince sulla razionalità, ma non farti distrarre da elementi secondari come arredamento o pulizia: i veri affari li fanno coloro che riescono a cogliere le potenzialità nascoste di un immobile.
Se l’impatto è positivo, visitalo una seconda volta preferibilmente in un orario diverso e in compagnia di una persona fidata, così da avere un altro punto di vista e valutare meglio alcuni fattori, come silenziosità e luminosità durante l’arco della giornata. Per essere sicuro di non aver dimenticato nulla, scarica la check list di Homepal!

3

Considera tutti i costi.

Per evitare brutte sorprese, prima di fare la tua offerta verifica tutti i costi che non sono compresi nel contratto di affitto, come condominio e spese di riscaldamento, in modo tale da confrontare davvero diverse soluzioni ed avere la certezza di un affitto sostenibile nel tempo.
Per abitazioni in contesti particolari, può essere utile fare una visura catastale per avere una conferma sulla tipologia dell’immobile e della sua destinazione d’uso. Puoi fare tutto online utilizzando il comodo servizio Casacheck.

4

Fai la tua offerta.

Se l’immobile ti convince, puoi finalmente fare un’offerta proponendo al proprietario la cifra che sei disposto a spendere e la durata dell’affitto, sempre che il proprietario non abbia chiaramente segnalato nell’annuncio che la durata è stabilita e il prezzo non trattabile. Entro due giorni saprai se l'offerta è stata accettata e tu e il proprietario potrete firmare insieme il contratto con tutti i documenti che ti saranno inviati via email.

4 consigli per chi pubblica un annuncio
1

Fai foto e video d’impatto.

Nel tuo annuncio le foto sono fondamentali. Per scattare non devi essere un fotografo, basta utilizzare alcuni accorgimenti come mettere in ordine le stanze, fotografare in un giorno di sole e fare un reportage di tutti i locali della casa, nessuno escluso, alternando foto d’insieme a piccoli dettagli. Anche la dimensione è importante: le foto pubblicate devono essere grandi! Non serve una macchina professionale, il tuo smartphone sarà più che sufficiente; puoi fare anche un video di tutto l’immobile, accompagnando il cliente lungo il percorso e facendo per ogni stanza una panoramica generale. Pensa che un video aumenta del 40% la possibilità di essere contattato!

2

Cura bene la descrizione.

Per descrivere la tua abitazione prova a metterti nei panni del tuo acquirente. Vorresti sicuramente conoscere le spese accessorie come quelle condominiali, avere una descrizione per ogni stanza, con tutte le caratteristiche e un piccolo riassunto. Sul web la tua voce sono i testi che scrivi. Dai informazioni utili, elimina i fronzoli, ma se c’è un particolare che ti sta a cuore inseriscilo pure. Le emozioni contano, eccome!
In generale, sempre meglio dire una cosa in più che una in meno. Quante volte tu stesso hai rinunciato a un acquisto online perché la descrizione era troppo scarna? E qui non stiamo parlando di un tostapane, ma di una casa.

3

La tua casa è da ristrutturare? Valorizzala.

Molti venditori credono che avere una casa vecchia e da ristrutturare sia un grande minus. È invece un’opportunità per ripensare il tuo immobile in modo più funzionale e contemporaneo, offrendo al potenziale acquirente il sogno di uno spazio da personalizzare in base alle proprie esigenze e ai propri gusti.
In questo senso Homepal può essere un valido alleato per creare una o più proposte di ristrutturazione da mostrare sul tuo annuncio, attraverso foto virtuali e rendering 3D. Il servizio costa solamente 120 euro e la tempistica è immediata. In soli 3 giorni il nostro team di architetti e interior designer è in grado di farti una proposta su misura.

4

Valuta il prezzo, ma non solo.

Nel misurare il valore delle offerte dei tuoi acquirenti, il prezzo è sicuramente il parametro più importante, ma non è l’unico. Esistono varie condizioni accessorie che possono fare la differenza, come il mutuo che l’acquirente deve ottenere per finanziare l’acquisto, l’importo del compromesso e la data del rogito, parametri importanti per misurare la serietà dei tuoi interlocutori e calcolare la probabilità che la trattativa vada in porto in tempi brevi.
Nella tua sezione Homepal troverai tutte le offerte dei potenziali compratori. Ricordati di valutare ogni proposta nel suo complesso!

Check list per gli acquirenti

Questa casa è/ha:

Silenziosa
Luminosa
Rumori particolari
Ristoranti/bar/locali sotto casa
Garage vicino/lontano
Facilità di parcheggio
Affaccio piacevole/rumoroso
Esposizione:
Nord (casa fredda)
Sud (sole nelle ore calde)
Est (sole al mattino)
Ovest (sole al pomeriggio)
Mezzi pubblici vicino a casa
Portineria
Pulizia del palazzo
N.B. Stampa la nostra Check List e portala con te durante ogni visita!
DOCUMENTI
VENDI CASA?

Ad offerta accettata entrambe le parti si impegnano a firmare il compromesso/preliminare di compravendita.
Homepal consiglia di trascrivere il contratto preliminare nei Registri Immobiliari (ossia nei Registri Pubblici nei quali sono inseriti tutti gli atti che hanno oggetto beni immobili) o presso un notaio.
Il contratto preliminare deve essere registrato presso l’Agenzia delle entrate con modulo F23.

Per la compravendita sono necessari i seguenti documenti:
  • atto di provenienza
    certifica la proprietà della casa
  • visura catastale e ipotecaria
    dimostra che l’immobile è libero da ipoteche
  • dichiarazione dell'amministratore del condominio
    per sapere se i pagamenti delle spese sono in regola e se ci sono lavori straordinari non ancora pagati
  • certificato energetico
  • copia della autorizzazioni comunali oppure DIA presentata al Comune, qualora l’appartamento sia stato ristrutturato
Se l’acquirente chiede un mutuo, deve chiedere al proprietario:
  • visura catastale
  • certificato energetico
  • certificato di fine lavori in caso di ristrutturazione dell’immobile
AFFITTI CASA?
Sono necessari per la stipula del contratto d’affitto i seguenti documenti:
  • estremi catastali dell’immobile da locare
  • certificazione energetica
Tipi di contratto:
  • contratto affitto uso temporaneo con cedolare secca
  • contratto affitto uso temporaneo senza cedolare secca
  • contratto 4+4 con cedolare secca
  • contratto 4+4 senza cedolare secca
Che tipo di tassa devi applicare al tuo canone: cedolare secca o dichiarazione?

La cedolare secca vale solo per affitti tra privati e ti permette di pagare solo il 21% di tasse sul canone annuo. Se non vuoi o non puoi utilizzare la cedolare secca (es. affitto ad aziende) allora dovrai inserire l’85% del canone di affitto nella tua dichiarazione dei redditi in aggiunta ai tuoi redditi.

Potrai chiedere al tuo inquilino:
  • 730 o documento similare
  • eventuale lettera di referenze da parte di precedenti affittuari o del datore di lavoro
Ricorda di:
  • registrare il contratto all’Agenzia delle Entrate entro 30 giorni dalla stipula
  • presentare alla Questura la dichiarazione di presenza dell’inquilino nell’immobile
LINK UTILI
Dichiarazione di presenza dell’inquilino alla questura
(da inoltrare al momento dell’occupazione dell’immobile)
Il tuo browser non supporta i requisiti minimi richiesti per la corretta visualizzazione del sito.

Ti preghiamo di provare con una versione più recente.